Il 9 luglio la Russia ha emesso un mandato di arresto per Yulia Navalnaya, accusando l’esponente dell’opposizione in esilio di partecipare a una “organizzazione estremista”.

Un tribunale ha dichiarato di aver “approvato la richiesta degli inquirenti e deciso una misura preventiva sotto forma di detenzione per due mesi”. Navalnaya ha promesso di continuare il lavoro del marito Alexei Navalny, il principale oppositore del leader russo Vladimir Putin, morto in una prigione artica a febbraio.

Navalnaya ha denunciato il mandato di arresto in una dichiarazione: “Vladimir Putin è un assassino e un criminale di guerra. Il suo posto è in prigione”.

Navalnaya “è stata arrestata (in contumacia) per ‘essere membro di una comunità estremista’ dal famigerato tribunale Basmanny di Mosca”, ha scritto Leonid Volkov, ex capo dello staff di Navalny, su X. “Un bel riconoscimento della determinazione di Yulia a continuare la lotta di Alexei!”, ha aggiunto.

Anche il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha criticato la mossa della Russia, definendo l’ordine di arresto un “mandato contro il desiderio di libertà e democrazia” in un post su X.

Le organizzazioni di Navalny sono state messe fuori legge in Russia, etichettate come gruppo “estremista” e inserite in una lista ufficiale di “terroristi”.

Navalnaya, un’economista, è stata al fianco del marito mentre diventava il leader delle proteste di massa in Russia, portandolo in aereo fuori dal paese quando è stato avvelenato, prima di tornare con lui a Mosca nel 2021, sapendo che sarebbe stato imprigionato.

Dopo la sua morte, Navalnaya ha giurato di riprendere il lavoro del marito e ha esercitato pressioni contro il governo di Putin dall’estero. Durante le elezioni russe di marzo, Navalnaya ha invitato a protestare in massa contro Putin formando lunghe code fuori dai seggi elettorali.

Se sei qui...
…è perché pensi che informarsi su quello che succede nel mondo sia importante. In questo caso potresti prendere in considerazione l’idea di abbonarti a Internazionale. Fino al 24 luglio costa solo 1,18 euro alla settimana, oppure 2,18 euro alla settimana se vuoi ricevere anche il giornale di carta. E in più ogni mattina all’alba ti mandiamo una newsletter con le notizie più importanti del giorno.